lunedì 5 maggio 2014

ARTICOLO UNO


Gli effetti sulla disoccupazione stanno facendosi drammatici. 
Renzi compie l'ennesimo tentativo di invogliare gli imprenditori ad assumere consentendo un sempre più spinto ricorso alla precarietà.
Da anni l'Italia non cresce e da anni la colpa viene addossata al costo del lavoro e all'articolo 18.
Tutti sanno che la mancata crescita è dovuta a ben altri motivi, non ultimo quello della mancanza di veri imprenditori. Che andrebbero sicuramente aiutati (visto che il lavoro, per farlo, bisogna pure crearlo) anche con una maggiore flessibilità, ma solo in presenza di tutele alla disoccupazione serie e non di elemosine o assistenzialismo.
Continuando così la storia finirà come quella dell' "Ase du Püa" che, a chi non è genovese, sarò ben lieto di raccontare.
Posta un commento