giovedì 11 dicembre 2014

BEE CE


Un duro monito dalla Commissione Europea all'Italia. In pratica suona come "basta parole" adesso fatti.
A Juncker serve senza dubbio recuperare un po' di credibilità dopo le critiche al generoso trattamento fiscale che, con lui Primo Ministro, il Lussemburgo ha riservato alle grosse Multinazionali ma purtroppo è vero che stentano a vedersi provvedimenti concreti in grado di dare una scossa alla ripresa economica.

Posta un commento