venerdì 22 giugno 2012

POMIGLIANO


La sentenza con cui la FIAT viene condannata al reintegro di 145 operai (iscritti alla FIOM) che non erano stati riassunti dopo la ristrutturazione dello stabilimento di Pomigliano, viene pesantemente criticata da chi teme riflessi negativi per gli investimenti stranieri.
In effetti la senternza deriva da una precisa applicazione delle norme legali che impediscono civilmente le discriminazioni sulla base delle convinzioni personali o del credo politico e personalmente ritengo che la certezza del diritto non dovrebbe che giovare anche nei confronti degli investitori.
 

Posta un commento