lunedì 2 dicembre 2013

MADE IN PRATO

 
Dopo il tragico incendio in cui sono morti quattro lavoratori cinesi mi sembra che ci sia il solito scarica barile ma  è abbastanza chiaro che ci sono interessi diffusi per non intervenire in modo decisivo ad impedire questi periodici "incidenti".
Dietro gli  schiavi (di ogni colore) ci sono sempre gli speculatori (di ogni colore).
Il Made in Italy a costi stracciati di produzione (non di vendita attenzione) conviene a troppi.
Risparmiateci almeno le lacrime (di coccodrillo vero).
Posta un commento