domenica 2 agosto 2015

CO-CO-DRIL



A me sembrava che l'unico motivo per cui il Parlamento potesse rigettare la richiesta di arresto di un parlamentare fosse la presenza di "fumus" persecutorio.
Nel caso Azzollini la Commissine Giustizia del Senato ha escluso questa ipotesi ma in aula il Senatore è stato "salvato" quasi all'unanimità.
Poi le spiegazioni di Ichino a favore dei garantisti e soprattutto le scuse della Serracchiani per tranquillizzare i forcaioli hanno rimesso tutto a posto.
Resta il dubbio sull'utilità delle Commissioni.
Posta un commento