giovedì 2 marzo 2017

CHERCHEZ L'ARGENT


Non passa giorno senza una notizia scandalosa di corruzione, sempre corredata da prove, intercettazioni, mani nel sacco ecc. ecc. regolarmente stemperate nell'attesa del famoso terzo grado di giudizio, spesso raggiunto a prescrizione conclusa. Le leggi lo permettono, se le sono fatte su misura altrimenti senza invocare cappi, manette e sbarre o ridicoli domiciliari la pena veramente deterrente
sarebbe quella di recuperare al più presto il maltolto.
Posta un commento