domenica 30 luglio 2017

VIVA LA UE, ANZI NO.


 Per Il "paladino" europeo Macron  se la grandeur è a rischio non c'è Unione che tenga.
L'idea che i singoli campioni nazionali possano diventare campioni europei non sembra nemmeno sfiorarlo. Ma di questo passo (non dimentichiamo il problema migranti) si dà sempre più ragione a chi attribuisce a Bruxelles solo la capacità di normare la lunghezza dei cetrioli.
(votabile su CARTOONMOVEMENT)
Posta un commento