sabato 3 febbraio 2018

DIMENTICARE PREGO


La Polonia vieta per legge definire "polacchi" i campi di concentramento impiantati sul suo territorio dopo l'occupazione nazista. Una preoccupazione che sembra tendere però non solo a scaricare le responsabilità dell'olocausto ma anche a cancellare le innegabili connivenze e lo storico inspiegabile antisemitismo che, in tutto il mondo non solo in Europa,  hanno favorito la persecuzione degli Ebrei e la criminale ricerca di una "soluzione finale".
Posta un commento