venerdì 2 novembre 2018

LA RABBIA ESAUDITA


A un mese dall'uccisione del giornalista Jamal Khashoggi nel Consolato saudita di Istanbul lo sdegno mondiale  sembra essersi già spento.
Daltronde molti media internazionali riportano che, in una telefonata con il genero del presidente Trump Jared Kushner e il consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton, il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman, pochi giorni dopo il fatto e  pur chiamandosene fuori, ha descritto il giornalista  come un pericoloso islamista.
Ah beh, allora.

1 commento:

Avigdor Liberman ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.