martedì 19 ottobre 2010

ALL'ASTA


Sul  Foglio di ieri Ferrara suggeriva la vendita del patrimonio pubblico per saldare il nostro debito. Sicuramente non mancherebbero i compratori.
Non credo che nessuno più si auguri uno Stato che faccia i panettoni anche se in un certo periodo è stato utile che li facesse e ogni tanto a molti conviene che sforni ancora qualche torta.
Oggi tutti riconoscono i benefici dell'iniziativa privata e dell'impresa (quella vera) rispetto ai pericoli e ai danni di uno statalismo esasperato.
Ma, per contro, un liberismo senza regole, con la progressiva e fatale concentrazione del potere e delle risorse in un numero sempre più ristretto di soggetti, non rischia di produrre gli stessi danni? 

1 commento:

briccone ha detto...

Il liberismo, come lo intendono Berlusconi e soci è fasullo. A loro piace solo il Monopolismo tipo Mediaset.