giovedì 6 dicembre 2012

BABBO RIVA


Le deboli minacce di Passera non sembrano aver impressionato molto la famiglia Riva che intanto riottiene la disponibilità dell'area a caldo. 
E' più che giusto chiedere ai padroni dell' ILVA di pagare per il disastro ambientale procurato alla città di Taranto  ma sarebbe anche altrettanto doveroso perseguire tutti i beneficiati di trent'anni di colpevoli occhi chiusi.
Posta un commento